Le Spezie Afrodisiache

Quasi tutte le Spezie sono riconosciute come Afrodisiache, possono essere usate a piacere per confezionare dei veri e propri Filtri d’Amore. Scopri di più!
SPEZIE-AFRODISIACHE

In queste pagine ho fatto del mio meglio per offrire una descrizione degli afrodisiaci più comuni. Spero che tu ne faccia buon uso in cucina come nella vita per dare quelle necessarie pennellate di sapore e colore alla grigia voragine della modernità. Viviamo in fretta per arrivare prima alla morte. Aggiungo solamente che se avrai fortuna e questi eccitanti sortiranno l’effetto sperato vivrai e morirai felice, magari per un fulminante attacco di cuore causato da una miscela di gola e lussuria, gli unici peccati capitali che vale la pena di commettere, gli altri sono dolore o cattiveria pura.”

Isabel Allende

La spezieria delle Baccanti

Erbe e spezie in ogni parte del mondo e in ogni epoca storica sono state utilizzate per insaporire cibi, per profumare, per riti religiosi. Nella medicina, come nella magia, ogni popolo ha prodotto innumerevoli “filtri d’amore afrodisiaci”, atti a rinvigorire le umane passioni, come anche a sollecitare gli spiriti più morigerati. Come sostiene I. Allende nel suo libro “Afrodita”,

le piante sono afrodisiaci sottili e, come nell’amore, agiscono senza schiamazzi, con discrezione e alla lunga distanza ed esattamente come in genere succede in amore, le più comuni e modeste sono anche le più preziose.

 Erbe e spezie afrodisiache sono incluse nella disciplina medica dell’Ayurveda. Queste erbe solitamente mirano al “risveglio“ del corpo. Spesso sono prescritte per curare problemi di sterilità, impotenza, eiaculazione precoce e frigidità, ma anche, e da non trascurare a mio avviso, per aumentare il piacere sessuale e la virilità.

Il Kamasutra e le Spezie Afrodisiache

Il Kấmasữtra, il più antico trattato indù sull’erotismo e sull’arte di vivere e non sulle posizioni nel rapporto sessuale, tratta nel capitolo “Aupamishadika”  oltre alla conoscenza dei medicamenti e tonici, l’arte della seduzione e di come attrarre gli altri a sè e cita diverse ricette dove gli ingredienti come il latte, la liquirizia, lo zucchero ed il miele hanno un ruolo importante assieme ad altre erbe più esotiche nell’aumentare il vigore sessuale.

Il Minestrone Afrodisiaco

Ma non è necessario allontanarci dalle nostre tradizioni per trovare un minestrone di erbe e spezie afrodisiache che tanto hanno da insegnare nell’arte dell’amore.

sedano spezie afrodisiache

Chi l’avrebbe mai detto che l’umile sedano, Apium graveolens fosse una pianta tanto nobile da essere consacrata alla Grande Madre perché collegata sia alla sfera erotica che a quella funebre? Ce lo ricorda Plutarco. La sua radice, mangiata cruda era considerata un potente afrodisiaco. Castore Durante consigliava il seme alle donne perché le rendeva “più pronte alle cose veneree”. Il gambo appeso alla testata del letto avrebbe riportato armonia e desiderio erotico nelle coppie disamorate e sessualmente intiepidite.

cipolla spezie afrodisiache

Alcuni testi importanti della scienza medica medievale come il “Theatrum Sanitatis” scritto tra il 1052-1063, poi completato nel xv sec. o “Il Tesoro della Sanità” del Durante citano ad esempio della cipolla come “giova alle angine se strofinato sulla gola. Il succo sfregato sulle calvizie fa ricrescere i capelli,…facilitano il coito”, “accresce la virtù genitale, il che più vigoroso fa il seme”.

anice spezie afrodisiache

Durante cita anche l’anice: “il suo seme emenda il puzzor della bocca e fa buon fiato”, (da prendere in seria considerazione visto che tra i peggiori nemici dell’erotismo spicca l’alito cattivo), “espelle le ventosità, provoca la secrezione lattea e suscita libidine”. La stessa cipolla veniva bandita dalle tavole dei pitagorici. All’opposto di tutte le altre piante, cresceva quando la luna era calante ed eccitava la sensualità. Credenza espressa così da Marziale: “quando hai moglie vecchia e membro molle non ti resta che mangiar cipolle”.

asparago spezie afrodisiache

Secondo la teoria delle segnature proposta da un allievo di Paracelso nella quale si afferma che la forma, il colore o il gusto di una pianta sono i segni analogici posti dalla natura per farne comprendere le peculiarità, l’asparago, Asparagus officinalis è un vero e proprio simbolo fallico. Il germoglio che si forma in primavera, detto turione, veniva prescritto nel Cinquecento come afrodisiaco. Ha forma cilindrica con la parte superiore più grossa, sicché rammenta il pene in erezione.

betonica spezie afrodisiache

Se quest’estate voi donne siete andate per i campi e avete raccolto la betonica, siete proprio fortunate, perché potreste preparare una ottima pozione per il vostro uomo. In un manoscritto anonimo della Carnia (Friuli Venezia Giulia) si legge: “a far lussuriar oltremodo, togli Betonica (Stachys officinalis), pistala e forma 2 once di succo. Bevilo con acqua, con vino o con latte caldi. Questa pozione fa continuare la lussuria, in tanto che usandone a bevere spesso, sempre sarai gagliardo in quel fatto”.

Quasi tutte le spezie sono riconosciute come afrodisiache, sia per il loro potere ossidante, riscaldante o semplicemente perché la loro forma ricorda i genitali. Tra queste il cardamomo usato in alcuni riti tantrici simboleggia la Yoni, i genitali femminili. La cannella, i chiodi di garofano, la curcuma, il pepe, la noce moscata, lo zenzero, lo zafferano possono essere usate a piacere per confezionare dei veri e propri filtri d’amore! Ed allora vi invito nelle fredde serate d’inverno a testare con il vostro partner queste meravigliose spezie! Se non provocano quel tanto decantato fuoco della carne, almeno vi concedono il gusto di giocare assieme.

Condividilo!

Entra a far parte della #BSfamily!

Non perderti le ultime novità dal Mondo dei Rimedi Naturali, uno Sconto Esclusivo e le Offerte in Anteprima! Iscriviti subito alla nostra Newsletter!

SCRIVIMI QUALE ARGOMENTO TI INTERESSA...

“Tutte le cose sono belle in sé e più belle ancora diventano quando l’uomo le apprende. La conoscenza è vita con le ali”
Khalil Gibrain
“Tutte le cose sono belle in sé e più belle ancora diventano quando l’uomo le apprende. La conoscenza è vita con le ali”
Khalil Gibrain